QUEEN-story

Queen fan clubÈ il 1968 quando Brian May e Tim Staffell, che tempo prima erano nel gruppo 1984, decidono di formare un nuovo gruppo: gli Smile. Così Brian May affigge una richiesta nella bacheca del college nella quale ricerca un batterista. Roger Taylor risponde e dopo un’audizione viene scritturato. Si forma così il gruppo degli “Smile” nel quale Tim Staffell suona il basso e canta, Brian suona la chitarra e Roger la batteria. Il gruppo però firma un contratto svantaggioso con la casa discografica Mercury e il disco viene venduto soltanto negli Stati uniti e non in Inghilterra. Questo è forse uno dei motivi per i quali Tim Staffell abbandona il gruppo. A Brian e Roger allora si unisce Freddie Mercury (presentato al gruppo da Tim Staffell il quale come lui frequentava l’Ealing College) che lascia il suo vecchio gruppo: Wreckage.

Successivamente, dopo aver provato diversi bassisti, scelgono John Deacon, nasce un nuovo gruppo, il nome lo sceglie Freddie: QUEEN, è il 1971. Freddie inoltre cambia il suo nome in Freddie Mercury, infatti a proposito di “My fairy king” dice agli altri “La madre nella canzone (…mother Mercury…) è mia madre”. I Queen iniziano così a fare le prime apparizioni in pubblico e nel 1973 esce il primo album QUEEN I. Di questo periodo è il primo vero tour della band che fa da spalla ai “Mott the Hoople”, nel 1974 esce QUEEN II e il gruppo svolge (sempre come spalla dei “Mott the Hoople”) il suo primo tour in America durante il quale però Brian si ammala di epatite e il gruppo deve cancellare le sue date. I primi album hanno uno stile molto particolare: alcune canzoni hanno testi e melodie fiabesche.

In questo periodo i Queen portano tutti i capelli lunghi e sono davvero molto trasgressivi e si esibiscono con abiti stravaganti. Sempre nel 1974 esce SHEER HEART ATTACK, bellissimo album comprendente brani che marcheranno lo stile della band come Killer Queen, Now I’m here ecc.. L’album riscuote un fortissimo successo e fa passare al gruppo qualsiasi dubbio sulla validità di quello che si stava facendo. Nel 1975 esce il singolo Bohemian Rhapsody, forse la più famosa canzone dei Queen (recentemente votata la migliore canzone del millennio nonchè miglior singolo della Gran Bretagna), che preannunciava l’arrivo del nuovo album: A NIGHT AT THE OPERA.

Bohemian Rhapsody, bellissima canzone che fonde in sè opera e rock, era considerata all’epoca troppo lunga per essere una hit, invece diventò un successo incredibile. L’album A night at the opera ha in copertina il simbolo dei Queen disegnato da Freddie che è composto dai segni zodiacali dei membri del gruppo. Nel 1976 esce A DAY AT THE RACES comprendente i grandi successi Somebody to love e Good old fashioned lover boy. Quest’album è caratterizzato da un rock molto raffinato. Nel 1977 esce NEWS OF THE WORLD che comprende We are the champions e We will rock you, brani che hanno fatto storia e che sono sempre stati suonati dal vivo dal gruppo grazie alla loro facilità nel coinvolgere il pubblico. Nel 1978 esce JAZZ, in questo periodo i Queen fanno scalpore portandosi in concerto a Wembley 50 ragazze nude in bicicletta che facevano la loro “Bicycle race”.

Nel 1979 c’è il loro primo live ufficiale: LIVE KILLERS che comprende brani registrati durante il precedente tour. Nel 1980 è la volta di THE GAME, il primo album dei Queen realizzato con l’uso dei sintetizzatori. Sempre nel 1980 esce FLASH GORDON, colonna sonora all’omonimo film. Sino al 1980 i Queen avevano venduto 45 milioni di dischi e 25 milioni di singoli! Questo infatti è un periodo di grande successo nel quale i Queen fanno quasi sempre il tutto esaurito e riempiono all’inverosimile gli stadi, soprattutto in Sudamerica.

Nel 1981 esce il primo album di Roger Taylor: FUN IN SPACE. Nel 1982 esce HOT SPACE, che vede in diversi brani un brusco cambio di genere verso un sound disco anni 80, l’album delude molti fan e la critica forse perchè da esso traspare lo stile di vita un pò trasandato del gruppo in quel periodo. L’album comprende Under Pressure in collaborazione con David Bowie e la bellissima Las palabras de amor riscoperta recentemente. Nel 1983 esce STAR FLEET PROJECT, progetto solista di Brian May e di altri musicisti come Eddie Van Halen, Reo Speedwagon a Alan Gratzer.

Nel 1984 esce THE WORKS del quale si ricordano i suggestivi video, soprattutto quello di “I want to break free” che purtroppo viene giudicato negativamente anzichè preso con ironia per il fatto che i membri del gruppo sono travestiti da donne. Nello stesso anno c’è il secondo album solista di Roger Taylor: STRANGE FRONTIER. In questo anno inizia anche il “works tour”. Nel 1985 c’è il Rock in Rio Festival, un evento importantissimo nel quale i Queen suonano davanti a circa 250.000 persone.

Un’altro evento importante che segna una svolta per il gruppo è il Live Aid, un festival di beneficenza svoltosi in contemporanea in Inghilterra e in USA e visto da milioni di persone in tutto il mondo nel quale i Queen come dirà Elton John “rubano la scena” cioè raccolgono i maggiori consensi e si caricano emotivamente. Esce anche MR. BAD GUY, il primo album da solista di Freddie Mercury. Nel 1986 esce A KIND OF MAGIC che comprende brani che fanno parte della colonna sonora del film Highlander di Russel Mulchay ma che come diranno i membri del gruppo hanno un loro senso al di fuori del film. All’album segue il Magic Tour che porta i Queen in giro per tutto il mondo. Questo sarà l’ultimo tour dei Queen che chiuderanno in bellezza con grandi successi e indimenticabili concerti l’ultimo dei quali si svolge al Knebworth Park davanti a 250.000 persone!

Al tour segue l’uscita di LIVE MAGIC, altro live con brani registrati a Wembley, Knebworth e Budapest. Nell’87 esce il singolo di maggior successo di Freddie Mercury: THE GREAT PRETENDER e nell’88 l’album BARCELONA relizzato in collaborazione con Montserrat Caballe, questa collaborazione esprime ancora una volta tutta la passione di Freddie per l’opera. Nello stesso anno c’è l’album di debutto del gruppo formato da Roger Taylor (The Cross): SHOVE IT.

Nel 1989 esce THE MIRACLE che raggiunge la vetta delle classifiche inglesi ed europee. In quest’album, come più avanti in Innuendo, l’autore delle canzoni verrà indicato sempre come Queen a dimostrare l’unità del gruppo. Nel 1990 c’è il secondo album dei Cross: MAD BAD AND DANGEROUS TO KNOW. Intanto le condizioni di Freddie peggiorano inesorabilmente, lui sa che non gli resta molto tempo e vuole subito tornare al lavoro con tanta generosità e voglia. Così i Queen lavorano all’album INNUENDO che esce nel 1991 riscuotendo anch’esso un incredibile successo. Dall’album traspare la triste situazione dei Queen in quel periodo. È per quest’album che Freddie,ormai molto malato,registra il suo ultimo video per la canzone These are the days of our lives con la quale vuole dare il suo ultimo saluto ai fans. A Ottobre esce Greatest Hits II.

Il 23 Novembre 1991 Freddie annuncia ufficialmente di essere malato di AIDS e il giorno dopo,il 24, muore nella sua casa di Londra dove aveva trascorso gli ultimi attimi di vita circondato dagli amici più stretti. È un grande shock per i fan di tutto il mondo e una grande perdita per la musica. Poco dopo, come aveva voluto Freddie prima di morire esce il singolo Bohemian Rhapsody/These are the days of our lives che in Inghilterra resta in vetta per 5 settimane raccogliendo fondi per l’AIDS per circa 1 milione di sterline. Nel Dicembre 1991 i Queen avevano 10 album circa nella top 100 inglese.

Sempre nel 1991 esce anche il terzo album dei Cross:BLUE ROCK. Nel 1992 si svolge il Freddie Mercury tribute concert nello stadio di Wembley dove i Queen suonano per dare il loro addio a Freddie con tantissimi artisti di fama mondiale tra i quali George Michael, Elton John, David Bowie, Annie Lennox, Axel Roses, Robert Plant ecc… Pochi mesi dopo esce LIVE AT WEMBLEY ’86, un doppio CD con l’intero concerto del Luglio 86.

Nello stesso anno esce anche l’album di Brian BACK TO THE LIGHT. Dopo quest’album Brian inizierà una tournee nel corso della quale suonerà anche con i Guns ‘n’ Roses. Nel 92 esce anche THE FREDDIE MERCURY ALBUM che comprende i maggiori successi di Freddie Mercury e l’anno dopo esce FREDDIE MERCURY REMIXES comprendente brani di Freddie remixati. Nel 94 esce l’album live di Brian LIVE AT TH E BRIXTON ACADEMY. Nel Settembre 94 esce il terzo album di Roger HAPPINESS. Nel 1995 Brian, Roger e John completano le canzoni registrate nel 91 e insieme ad altri inediti e canzoni che non avevano trovato posto in precedenti album danno vita a MADE IN HEAVEN, altro grandissimo successo e ultimo album dei Queen che esce nel 96.

Nel 1997 esce QUEEN ROCKS,una raccolta dei brani più forti del gruppo con l’inedito No-one but you dedicato a Freddie Mercury dagli altri tre. Nel 1998 escono ANOTHER WORLD di Brian May e ELECTRIC FIRE di Roger Taylor. Nel 1999 esce GREATEST HITS III che comprende brani dal FM tribute concert, collaborazioni con altri gruppi, il remix di Under Pressure e altri brani tra i quali la bonus track Thank God it’s Christmas,canzone natalizia uscita prima solo come singolo.

Nel 2000 sono usciti FREDDIE MERCURY SOLO e FREDDIE MERCURY SOLO COLLECTION, il primo un triplo album comprendente Barcelona, MrBad Guy e un bonus cd con altri brani rari, il secondo una collezione di 2 DVD, 10 CD e un libro su Freddie. Ultimamente ci sono state delle collaborazioni con i five e con Robbie Williams (dalle quali sembra John Deacon si sia dissociato) per delle cover di We will rock you e We are the champions.

Questa è, per sommi capi la storia dei Queen. Un gruppo che è riuscito a conquistare i cuori della gente in tutto il mondo pur avendo spesso stampa e critica avverse forse anche per le numerose trasgressioni. Sono passati quasi 10 anni dalla morte di Freddie ma nonostante tutto niente riesce a scalfire il mito che quest’uomo e il suo gruppo hanno creato e niente ci riuscirà mai.